CASPERBOT

    Questo programma Vi permettera’ di aggiungere la funzionalita’ di invito gruppo a  CasperVend o CasperLet f GRATUITAMENTE.
   
    E’ un programma SELF HOSTED  (il che significa che lo dovrete fare girare sul VS PC o su un vostro server)
   
    NON E’ PREVISTO SUPPORTO PER QUESTA APPLICAZIONE  CHE VIENE FORNITA  “COSI’ COME E'” E SENZA GARANZIA.
   
    Download:
   
    Puo’ girare sotto Windows (.NET 3.5 indispensabile) o sotto Linux (Mono richiesto).
   
    =======================================================
    CARATTERISTICHE
    =======================================================
   
     – Minime funzionalita’ per un minore impatto sulla memoria
     – Gira in Windows and Linux
     – Invita ed eietta utenti dal tuo gruppo
     – Controlla che gli utenti siano gia’ iscritti nel gruppo prima di inviare   l’invito
   
    =======================================================
    IISTRUZIONI
    =======================================================
   
    1. Su windows, installare .NET 3.5 (link qua sotto).Su linux, installare Mono.
   
    http://www.microsoft.com/download/en/details.aspx?id=21
   
    2.  Aprire l’applicazione .
   
    3. Digitare “login firstname lastname password”inserendo il nome proprio , il cognome e la password del bot .
   
    4.Attendere che il bot logghi (vedrete un sacco di testo)
   
    5. Digitare “setmaster firstname lastname” inserendo il nome proprio e il cognome del VOSTRO AVATAR (o di colui che possiede i prodotti CasperVend or CasperLet ).

    6. Trovare la key del vostro avatar e del gruppo.  In Phoenix, sono in alto sulla pagina del vostro profilo e in alto sulla pagina del gruppo).

    7. Logigate o in  CasperVend or CasperLet  e inserite la chiave dell’avatar e del gruppo ove richiesto (in CasperVend, e’ nella pagina del prodotto . In CasperLet, c’e’ un pulsante chiamato”Group Bots”).

    8. Tutta qua!   (Note: Dovete avere l’applicazione sempre attiva sul vostro PC)

CASPERBOTultima modifica: 2011-10-14T19:11:00+00:00da gaiarossini
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento